Chi siamo

La Rete d’imprese produttori AGRICOLI DI FRUTTA, con sede a Palombara Sabina, nasce dalla duplice esigenza di un gruppo di produttori della zona di rispondere e condividere esperienze di promozione e commercializzazione di prodotti frutticoli, cercando di incentivarne il consumo e dalla necessità di affrontare alcune problematiche comuni quali il parassita Drosophila S. del ciliegio che dal 2016 ha causato molti danni alla produzione. La forza delle attività è stata la condivisione tra associati di molte tematiche che hanno portato anche a dare vita a due Gruppi Operativi per il trasferimento di innovazione i cui progetti sono stati approvati dalla Regione Lazio nell’ambito della Misura 16.1 del Piano di Sviluppo Rurale.

La frutta, nonostante sia un elemento fondamentale nella nostra alimentazione e sempre stata presente sulla nostra tavola a seconda della stagione, ha subito negli ultimi anni una forte diminuzione in termini di consumo. Problemi di sanità del prodotto, difficoltà a trovare, soprattutto nelle grandi città, prodotti di qualità che mantenessero il sapore e l’odore del frutto, hanno fatto sì che molti consumatori, soprattutto i più giovani, abbiano diminuito il consumo di frutta. La presenza preponderante della GDO non ha agevolato, modificando il modo di fare la spesa, a sfavore dei tipici mercati rionali dove invece è possibile interloquire con il produttore e creare un rapporto di fiducia che nella grande distribuzione spesso viene a mancare. 

La rete dei produttori agricoli di frutta cerca proprio di rispondere alle maggiori sfide dei nostri tempi.  Formata principalmente da produttori medio-piccoli, per i quali i mercati rionali rappresentano il principale canale di vendita, conosce bene l’importanza che tali mercati rivestono e che hanno rivestito in passato quando erano loro ad essere considerati la distribuzione organizzata della città di Roma.

Da questo scenario nasce il progetto: l’idea è proprio quella di avere un rapporto diretto e veloce con il consumatore che avrà direttamente sulla propria tavola un prodotto di qualità, sano e sostenibile. La rete infatti è particolarmente impegnata sui temi della sanità del prodotto - attraverso un’efficace difesa integrata a basso impatto ambientale - sulla valorizzazione delle produzioni - tema molto importante per la rete che si sta progressivamente reinventando in tal senso  trasformando parte della produzione delle imprese agricole che ne fanno parte per realizzare alimenti di facile consumo, accattivanti dal punto di vista sensoriale, ma salvaguardando le caratteristiche nutrizionali della frutta. Il carattere innovativo andrà di pari passo ad un processo produttivo a basso impatto ambientale. Inoltre focale è il concetto di salvaguardia della biodiversità: molti degli agricoltori della Rete partecipano alla Rete di sicurezza e conservazione delle risorse genetiche tutelate vegetali voluta della legge regionale che permette di garantire il mantenimento di una genetica selezionata dalle condizioni naturali.